5° elementare

I CATECHISTI

Paola P.

Cinzia

Iolanda e Manuel

 

IL PROGRAMMA

Continuare il catechismo è continuare quel meraviglioso viaggio che non avrà più fine: è il viaggio che porta alla conoscenza sempre più profonda, vera e reale di Gesù.

Gesù è il Risorto. Ha vinto per sempre la morte. Vive. E possiamo incontrarlo anche noi oggi, tutti i giorni nei Sacramenti che Lui ha affidato alla Chiesa.

Vi comunichiamo il programma del cammino per il quarto anno di catechesi. E’ molto importante cogliere che la richiesta di iscrivere il proprio figlio al catechismo esprime  da parte dei genitori la ferma volontà ed intenzione di collaborare attivamente con la Parrocchia e i catechisti in questo cammino educativo e di voler vivere attivamente la vita della Parrocchia.

Insieme con i genitori, che sono i primi educatori alla fede – come hanno solennemente promesso nel giorno del Matrimonio e del Battesimo – la comunità cristiana delle Parrocchie di Zibido San Giacomo si affianca per questo compito educativo, offrendo strutture e persone che aiutino i fanciulli a conoscere Gesù.

Ci piace immaginare il catechismo per i fanciulli (chiamato Iniziazione Cristiana = IC) come un “pellegrinaggio simbolico sulle orme di Gesù. Questo pellegrinaggio ci accompagnerà ad incontrare il Gesù della storia ma anche il Gesù della fede, sempre presente e a noi contemporaneo.

Per giungere alla piena comunione con Gesù, il Figlio di Dio, occorre imparare a conoscerLo: il catechismo è strumento per imparare ad incontrarLo. Come i discepoli di Gesù, ci metteremo in ascolto della Parola del Vangelo e cercheremo di imparare a conformare la nostra vita a quella di Gesù.

Insieme, genitori, catechisti e Parrocchia tutta, siamo protagonisti del catechismo. Insieme formiamo la Comunità Educante (= CE). Con il nostro esempio accompagneremo i nostri ragazzi all’incontro personale con il Cristo Vivente. Il catechismo diventa quindi un cammino di “discepolanza” fatto per e con. Un cammino sulle orme di Gesù, ripercorrendo, simbolicamente, il viaggio di Gesù in Palestina, intrufolandoci nella folla che “Lo seguiva”, accompagnandolo attraverso i diversi villaggi

Nazaret (I anno): è il paese nativo di Gesù. I bambini vengono presi per mano e introdotti in un ambiente nuovo: la Chiesa, l’Oratorio. Un ambiente che ha il sapore di “famiglia”. Anche Gesù aveva una sua famiglia. Ci metteremo in ascolto dei fanciulli, ascolteremo la loro storia, la storia della loro famiglia. Racconteremo loro la storia della famiglia che è la Chiesa nata da Gesù.

Cafarnao (II anno). E’ l’anno dedicato alla riscoperta del Sacramento del Battesimo. E’ l’anno in cui si “consegnano le preghiere cristiane. Gesù a Cafarnao prega e “faceva miracoli”.

Emmaus (III anno). La cornice è il miracolo Eucaristico del Risorto. Si presenta ai ragazzi il mistero cristiano per eccellenza: Passione, Morte e Resurrezione di Gesù, e la Sua Permanenza tra noi nel pane e nel vino consacrati sull’altare.

Gerusalemme (IV anno). E’ l’anno in cui con i ragazzi siamo nel cuore dell’evento della fede: a Gerusalemme si compiono tutte le profezie. Gesù muore e risorge e dona lo Spirito Santo. Con questa cornice, accompagniamo i ragazzi alla S.Cresima. Il Sacramento dello Spirito Santo e del mandato missionario: ora diventa naturale un costante impegno alla partecipazione alla s.messa domenicale e alle iniziative della Parrocchia.

 

Il catechismo sarà Martedì dalle ore 17,15 alle 18,15 con Cinzia e Paola ed il Sabato dalle ore 9,30 alle 10,30 con Iolanda e Manuel.

 

“Parola e Vita” segnalerà eventuali cambi di orario o altre iniziative.

Ad ogni incontro di catechismo occorre portare il proprio astuccio e un quadernone a quadretti e il materiale che verrà consegnato nei primi incontri di catechismo.

 

Tutte le Domeniche vi aspettiamo alla S.Messa delle ore 11,30

à…e poi ricorda: E’ buonissima cosa andare a Messa nel giorno del proprio compleanno, o nel giorno di un particolare anniversario.

 

àIl Signore Gesù ha bisogno di te! Pensaci! Puoi fare il chierichetto oppure cantare o suonare nel coro della Parrocchia.

Condividi su:   Facebook Twitter Google